Il mondo delle fate

Pubblicato il da Jena

Per la nostra generazione, il pesce è un curioso animale a forma di bastoncino che vive nel surgelatore di casa. Il maiale si sposta in branchi di cilindretti avvolti nello spago. L'agnello è come certe piante: fiorisce in primavera, seguendo il calendario ecclesiastico. Si coglie nei banconi delle macellerie e, se volete un consiglio, un mazzetto di teneri agnellini da latte è una fantastica idea regalo con cui imbandire le tavole pasquali. L'unica specie moderna del cappone è quella ripiena. Poi, che le uova provengano da un orifizio anale è solo una disgustosa leggenda. In realtà proliferano in esaedri di plastica che costruiscono loro stesse, come fanno le rondini con i loro nidi. Le cassette dei mercati si riempiono di teneri cuccioli di pesca, pera, arancio, che fanno a gara per essere scelti e portati a casa. Il latte è una resina che cola dalle pareti interne delle scatole di tetrapack. Nelle zone aride, si forma direttamente in polvere, un po' come i cristalli di sale lungo le sponde di certi mari. Le rose nascono con una fascia di stagnola alla base, e si muovono in branchi che pascolano nei negozi di fiori. Le specie notturne vengono portate a brucare nei locali, tra i tavoli dei clienti, guardate a vista da pastori filippini, marocchini, indiani.

  L'habitat ideale per i computer sono gli scaffali della Mediaworld. Se vi avvicinate senza fare rumore, all'imbrunire li vedrete copulare infilandosi cavetti usb in tutte le porte. I più disinibiti si stimolano a vicenda con chiavette hardware. Le pellicce delle signore si seminano nei negozi di alta moda, si innaffiano di euro e crescono da sole come i capelli. Si narra che per confezionarle un tempo venissero brutalmente allevati e uccisi milioni di animali. Voci messe in giro dai soliti comunisti malati di ambientalismo. La lana cresce in morbidi gomitoli colorati, che si coltivano in file ordinate nelle maglierie. La pelle si produce a partire dai portafogli. I coccodrilli sono concrezioni a forma di scaglie che crescono sulla superficie delle borsette, mentre la seta cresce nei negozi di abbigliamento, ed in natura ve ne sono diverse specie: quelle cravattiformi, quelle sciarpiformi, le vestagliformi e così via. Alcuni parassiti, il più famoso dei quali è il baco da seta, tendono a infestarle come ospiti indesiderati. Il fuoco esiste solo negli accendini e i cubetti di ghiaccio si formano spontaneamente nei bicchieri di Coca Cola. Quanto a leoni, tigri, elefanti e zebre, una volta vivevano nella scatola bombata del nostro vecchio tv color. Oggi si sono trasferiti dietro allo schermo piatto del nostro lcd, sebbene in effetti abbiano meno spazio per muoversi.

  Se una tempesta elettromagnetica di portata apocalittica si abbattesse sulla Terra, impedendo le radiocomunicazioni e mandando irrimediabilmente in tilt gli apparecchi elettici, finiremmo con il morire di fame, di sete, di freddo e di stenti nel giro di poche settimane. Giusto il tempo di esaurire gli scaffali dei supermercati, di saccheggiare i negozi di abbigliamento e di bere tutte le bottiglie d'acqua, le lattine, i succhi di frutta, gli alcolici e i superalcolici rimasti. Poi, non resterebbe che mangiarci l'un l'altro e berci i fiumi al cromo esavalente.

  Le università formano ingegneri, chimici, informatici, architetti... Tutti sanno fare cose a partire da altre cose, prodotte usando cose diverse che non si possono fare senza altre cose ancora. Ciascuno di essi, da solo, non sa fare niente.   Per questo nasce l'Università del Saper Fare, perchè decrescere significa anche riappropriarsi della manualità, dell'amore per gli oggetti, per il fai da te. Impariamo a fare il pane, il formaggio fresco, il detersivo, un giocattolo per i nostri figli, lo yogurt...

 Torniamo ad essere padroni della nostra vita.

Di Claudio Massora

Io Claudio lo adoro, spero non smetta mai di scrivere articoli così e non diventi mai un giornalista telecomandato...

Commenta il post