Danni derivati dall'uso del computer secondo la Dott. Vogel

Pubblicato il da Jena

                         La mia stanza, distruggi bulbi oculari

 

 

Fonte: disinformazione.it

 

Articolo della Dott. Susanne Vogel, Oculista ad orientamento antroposofico (München), tratto dal libro “Euritmia terapeutica per la vista secondo il metodo della Dott. Knauer”

Da circa dieci anni emergono sempre più numerosi i disturbi legati all’uso del PC. Il lavoro al PC costringe l’operatore seduto per ore ad una distanza fissa di 60cm dal monitor.

E già qui si dice una grande cazzata. Voglio vedere chiunque stare davanti ad un pc per ore a 60 cm dal monitor, fermo, immobile.... La norma vuole che ci si muova, e la distanza occhio monitor oscilla dai 50 cm fino ad arrivare quasi al metro. Questo in quanto i monitor attuali hanno una diagonale da 17 pollici in su.

All’inizio dell’era del computer i caratteri apparivano neri su sfondo bianco o viceversa, oppure verdi o color ambra: dal momento che questi colori si sono rivelati stancanti per gli occhi, si preferiscono attualmente nuances colorate su sfondo scuro o vicino al bianco.

Non è il colore a provocare la stanchezza dell'occhio ma il refresh dei monitor che all'epoca era molto basso. Ma sto Dott. Susanne ha mai usato un computer ?

Durante il lavoro al PC è richiesta l’applicazione della massima concentrazione per mantenere la supervisione di cifre, lettere, impaginazione e molto altro ancora: il tutto però si svolge all’interno di una superficie relativamente ridotta.
L’operatore stesso si trova in una situazione quasi priva di movimento: è seduto, guarda in una sola direzione e rimane pressoché immobile. In condizioni normali invece l’occhio si muove in tutte le direzioni spaziali e modifica continuamente la sua presa a fuoco, si adatta alle più svariate distanze, reagisce a colori e zone di luce ed ombra. Persino nel leggere un libro l’occhio non resta fisso in una direzione o ad una sola distanza per tutto il tempo.

Si , gia me lo vedo sto sfigato davanti al monitor impalato, fermo, senza muovere un muscolo. Poi immagino pure l'occhio, fisso su un pixel luminoso nel monitor senza distogliere lo sguardo. Con il collare in quanto non c'è la necessità di muovere la testa, insomma un mongoloide. Niente zone di luci e ombre, tutto piatto, sfondo bianco e un puntino “pixel” nero che ci rincoglionisce i bulbi oculari. Ma sto Dottore usava il computer della Clementoni ?

Pazienti che per anni usano il PC in modo continuativo si lamentano in modo crescente di mal di testa e stanchezza. Le cause di questi sintomi sono da ricercare nel fatto che solo il 15% presenta degli assi visivi ortogonali, mentre il restante 85% presenta lievissime forme di strabismo che in condizioni normali vengono corrette automaticamente. Nel caso dell’uso del PC la situazione cambia drasticamente: per molte ore è richiesta una fissazione a distanza occhio-monitor invariata, il che comporta uno sforzo di autocorrezione superiore alle proprie forze. Anche se la binocularità venisse comunque mantenuta, la continua correzione richiesta all’occhio lo affatica enormemente, causando mal di testa e stanchezza.

Il crescente mal di testa, come detto prima, è provocato dalla frequenza “refresh” del monitor che se bassa “sotto i 60 Hz” provoca questi sintomi. Storia vecchia in quanto adesso si usano prevalentemente gli LCD, display a cristalli liquidi che per la loro costruzione tecnica non provocano questi sintomi. Se mai sono le televisioni a tubo catodico, ancora oggi in uso, che rovinano gli occhi ed emanano pure radiazioni nocive. Il libro di questa dottoressa mi sembra che sia stato scritto 30 anni fa.

In relazione alle condizioni sopradescritte, emerge anche un’altra problematica che è quella dell’occhio secco. La vista viene obbligata in una sola direzione ad una distanza fissa: questa fissità innaturale per un organo mobile come l’occhio comporta una tendenza sclerotica di indurimento, la cui portata non è ancora prevedibile nelle sue estreme conseguenze.
Oltre a ciò si verifica un altro fenomeno legato alla fissazione del monitor: non tutta la retina viene messa in attività, bensì solo il suo centro, la macula.
La periferia della retina, che permette la percezione di toni grigi e ombre, non viene stimolata e di conseguenza si atrofizza.
Pazienti che hanno lavorato per più di dieci anni al PC descrivono come alla fine di una giornata di lavoro, prendendo la metropolitana per andare a casa, sono rimasti fortemente accecati e non riuscivano più a vedere. Questo perché nell’oscurità e in ombra è la vista periferica che deve attivarsi: ma è proprio la vista periferica quella che sempre più si atrofizza a causa del computer. A questo fenomeno occorre prestare molta attenzione.

Oltre ai danni causati agli occhi, il lavoro al PC nasconde in sé un altro rischio, anche se meno appariscente. Normalmente si è abituati a vedere in modo tridimensionale. Questa facoltà è stata acquisita dall’umanità molto lentamente nel corso dell’evoluzione. L’uso del monitor riduce la realtà tridimensionale ad una bidimensionalità: ciò significa far retrocedere l’uomo verso gradini evolutivi arcaici, invece di farlo procedere verso la conoscenza della quarta dimensione.
Attraverso l’Euritmia il paziente impara ad afferrare in piena coscienza la tridimensionalità e ad orientarsi nello spazio attraverso la forza dell’Io.

Va be, il resto non lo voglio commentare in quanto non sono un medico ma posso assicurarvi che io uso il pc da 25 anni ed ero un giocatore incallito. Ho passato notti insonni con King Ping passando per Quake, UT, Counter Strike e finendo con World of WarKraft e ci vedo benissimo, non ho difetti di sorta. La mia schiena sta benissimo. Il trucco sta nel fare attività fisica ogni giorno, mangiare sano e di tanto in tanto stare all'aria aperta. Io non ho abusato del computer ma stra abusato e tutt'oggi lo sto seviziando. Ogni anno salta fuori un medico dell'ultimo minuto che critica e sentenzia danni provocati dall'uso di uno strumento come il computer. Andasse ad analizzare il fosforo bianco che buttano su Gaza, le scie chimiche, i cibi transgenici o le torri gemelle che sono cadute giù per opera dello spirito santo.

Con tag tecnologie

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post

Intuit QuickBooks Support Number 10/25/2017 14:53

Get in touch Intuit QuickBooks Support USA, Canada by phone or email to learn more about our bookkeeping software solution or get quick help and support with your queries and clear your confusion. View our latest company news on QuickBooks Enterprises Phone Number and update your QuickBooks software through our tech. toll free number 1-888-867-9209

lorenzo 05/15/2009 12:08

ha ragione la dottoressa, aspetta qualche anno e vedi come la sevizia al computer ti sarà servita....

Jena 05/15/2009 12:38


attendo con trepidazione....